• Home 
  • Territorio 
  • Mandamento di Asiago 

ASIAGO SETTE COMUNI IN PUNTA DI DITA

Valori, storia, sapori e nuovi obiettivi: la promozione del territorio nei finger food di 34 chef locali

venerdì 09 luglio 2021
ASIAGO SETTE COMUNI IN PUNTA DI DITA ASIAGO SETTE COMUNI IN PUNTA DI DITA

“Asiago Sette Comuni in Punta di Dita” è l’iniziativa che si è svolta il 1° luglio scorso nei più suggestivi luoghi dell'Altopiano di Asiago e che ha visto la partecipazione speciale di ben 34 chef di altrettanti ristoranti, malghe, rifugi e pasticcerie pronti ed entusiasti di lavorare insieme.
Un evento reso possibile grazie alla sinergia di tante realtà, coordinate da Confcommercio Vicenza con la collaborazione di Confartigianato e Coldiretti ed il sostegno della Camera di Commercio, i Comuni di Asiago, Foza, Lusiana Conco e Roana.

E’ stato un “ viaggio” entusiasmante e di grande successo, pensato e dedicato soprattutto ai giornalisti e blogger di tutta Italia, che hanno avuto l’occasione di conoscere l’ospitalità dell’Altopiano più alto d’Europa, scoprendo i suoi sette comuni, attraverso i luoghi, paesaggi, la storia e i sapori dei finger food ideati dagli chef montani esclusivamente con gli ingredienti del luogo.
Quale miglior modo di assaporare tante emozioni? 7 tappe con l’assaggio di 5 finger food ciascuna, accompagnati da un drink a tema, più una sosta speciale, quella dell’Osservatorio di Asiago per vedere le stelle anche con i piccoli bocconi d’artista proposti dai due chef stellati asiaghesi.

Artefice della formazione degli chef - molti di esperienza e altri giovani promesse della cucina italiana - sull’arte del gusto in un sol boccone, lo chef Gianluca Tomasi, General Manager della NIC Nazionale Italiana Cuochi e da anni grande esperto di finger food. A dar voce alle suggestioni gastronomiche descrivendo le meraviglie da assaggiare in ogni destinazione, la voce e lo stile dello chef Presentatore Marco Valletta accompagnato dallo chef Massimo Spallino, Consigliere Provinciale di FIPE_Confcommercio Vicenza e Portavoce dei Ristoratori del Mandamento dell’Altopiano di Asiago, promotore del progetto e catalizzatore dei tanti colleghi che hanno accettato questa innovativa sfida. “Sono stati abbattuti i muri delle nostre cucine, – sorride lo chef Spallino – mi piace questa immagine di apertura, per parlare di collaborazione, per coinvolgere con il gusto e i sapori ma anche con emozioni di sapere, scoprendo di più su questi luoghi che hanno davvero tanto da raccontare e da offrire. I lunghi tempi di fermo a causa del covid sono stati duri ma ci hanno anche dato tempo per delineare nuovi obiettivi e per comprendere che è essenziale lavorare insieme”.

Ci sono grandi progetti qui sull’Altopiano, di tante realtà che hanno scelto di valorizzare questi luoghi con un’attenzione speciale alla sostenibilità, tra cui il Consorzio Tutela Formaggio Asiago DOP prodotto principe di queste zone, amato e reinterpretato nelle ricette, non a caso scelto da moltissimi chef per i loro speciali finger, ma anche la Distilleria Rossi d’Asiago che sulla tradizione dei suoi prodotti ha saputo rinnovare le ricette e l’immagine, organizzare l’Academy per la formazione e creare un’efficace promozione del valore aggiunto dell’Altopiano.
Siggi Group ha ben compreso l’importanza e l’unicità di questo lavoro di squadra e ha fornito a tutti gli chef le eleganti giacche da cucina ricamate con il logo, dando così una perfetta immagine di gruppo e un forte senso di unione. Al fianco dell’organizzazione anche ETRA che si occupa della gestione della raccolta differenziata, l’Università del Gusto di Vicenza, MediaVeneto ed EuroHygiene. In ogni tappa del percorso sono stati usati prodotti e confezioni plastic free, per portare un ulteriore esempio di rispetto ambientale.

“Abbiamo coinvolto, come spesso facciamo in occasione delle iniziative, i nostri operatori che, con grande entusiasmo e professionalità, hanno subito accettato la sfida; la numerosa partecipazione degli chef e di aziende che hanno creduto nel progetto dimostrano che questo territorio, caratterizzato da un tessuto economico vivace e frizzante, ha voglia di crescere.” - spiegano Marianna Lievore e David Sterchele, rispettivamente Presidente e Responsabile del Mandamento locale di Confcommercio.

Studio Verde di Ferruccio Ruzzante ha messo il suo tocco nell’ideazione e nell’organizzazione, guidato da un affetto particolare per l’Altopiano. Un’unione di forze che guarda oltre, verso la valorizzazione di queste montagne, la realizzazione, a settembre, non solo di un finger che caratterizzi tutto il territorio e venga poi proposto nel vari ristoranti, ma anche di iniziative che possano coinvolgere e affascinare turisti e residenti.

NEWS IMPRESE