• Home 
  • Territorio 
  • Mandamento di Asiago 

NON PERDERE L’OPPORTUNITÀ DEI FONDI PER I PICCOLI COMUNI

I presidenti delle delegazioni comunali di Gallio, Roana, Rotzo e Foza scrivono ai sindaci: “Emanare quanto prima i bandi”

giovedì 04 marzo 2021
NON PERDERE L’OPPORTUNITÀ DEI FONDI PER I PICCOLI NON PERDERE L’OPPORTUNITÀ DEI FONDI PER I PICCOLI

Non perdiamo risorse a favore delle imprese in questo momento così difficile per il comparto turistico-commerciale. È questo l’appello lanciato dalle delegazioni Confcommercio di Gallio, Roana, Rotzo e Foza alle rispettive amministrazioni comunali, attraverso una lettera firmata dai rappresentanti di zona dell’associazione. Al centro della questione sono le risorse che potrebbero essere messe a disposizione delle aziende del territorio, attraverso specifici bandi comunali, a favore di piccole e micro imprese che hanno subito i contraccolpi dell'epidemia da COVID-19.

I fondi sono stati assegnati in base al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 settembre 2020 e portano nelle casse dei comuni italiani al di sotto dei 5000 abitanti compresi in uno specifico elenco, risorse per il tessuto economico: Gallio, Roana, Rotzo e Foza posso erogare complessivamente, per l’anno 2020, contributi e agevolazioni per quasi 150 mila euro.

C’è però il rischio, come sottolineano nella missiva i presidenti delle Delegazioni Confcommercio “che tali risorse possano essere revocate, integralmente o parzialmente, nel caso di mancato o limitato utilizzo entro le tempistiche definite”. Da qui, dunque, la richiesta di “valutare l’opportunità di definire un bando finalizzato all’erogazione dei sostegni economici”, considerato anche che “l’attuale situazione economica e il perdurare dello stato di emergenza mettono a dura prova la sopravvivenza di numerose imprese” con il “concreto rischio che molte di loro, terminata l’emergenza, non abbiano la forza e le risorse per riprendersi e proseguire l’attività, qualora non siano definite urgenti misure a loro sostegno”.

Non è dunque il caso di mettere a rischio lo stanziamento di queste cifre certamente preziose per le aziende dell’area, cui seguiranno altre risorse: in particolare per il biennio 2021-2022 i quattro Comuni dell’area avranno a disposizione altri 200 mila euro circa. Urge però attivarsi fin da subito per l’utilizzo dei fondi, così come hanno fatto in altre zone della provincia, ad esempio nell’area berica.

NEWS IMPRESE