• Home 
  • Territorio 
  • Vicenza 

VICENZA CONFERMA DI TUTTI I MERCATI SETTIMANALI IN SICUREZZA

Il Comune, in accordo con Fiva-Confcommercio Vicenza, ha previsto fin dal 14 novembre perimetrazione, accessi separati, sorveglianza come da ordinanza regionale. Il presidente Forte: "Vicenza è un esempio di ciò che si può fare anche nel resto della provincia"

venerdì 13 novembre 2020
Foto dal sito del Comune di Vicenza Foto dal sito del Comune di Vicenza

Prima della stretta regionale per lo svolgimento dei mercati, il Comune di Vicenza ha incontrato già giovedì 12 novembre i dirigenti provinciali della FIVA (Federazione Italiana Venditori su Aree pubbliche) – Confcommercio.

Grazie all’azione tempestiva delle parti coinvolte, già da domani, sabato 14  novembre, data di entrata in vigore dell’ordinanza regionale, i mercati si potranno svolgere in sicurezza. L’area di ciascun mercato verrà perimetrata, saranno previsti due varchi di accesso separati, uno d’entrata e uno d’uscita, e sarà garantita la sorveglianza per il rispetto della distanza interpersonale di un metro e del divieto di assembramento.

Il sindaco Francesco Rucco ha firmato oggi, 13 novembre, un’ordinanza che si allinea alle disposizioni regionali che dovranno essere rispettate fino al 22 novembre. Inoltre il sindaco ha stabilito che gli operatori dei mercati con posteggio in piazzale De Gasperi e viale Roma siano spostati temporaneamente in viale Dalmazia per garantire l’applicazione delle disposizioni e quindi la sicurezza di commercianti e acquirenti.
Inoltre è stato deciso che, prima dell’ingresso nelle aree di mercato, verrà misurata la temperatura a ciascun acquirente.
"Immaginando una stretta sui mercati da parte della Regione, abbiamo iniziato a lavorare prima della pubblicazione dell’ordinanza per consentire il regolare svolgimento dei mercati tradizionali, per tutelare da un lato i commercianti e per garantire dall’altro un servizio ai cittadini – dichiara il sindaco Francesco Rucco -. Agiremo in questo modo per la sicurezza di tutti grazie alla collaborazione con Confcommercio e Campagna amica”.

Nell’occasione il presidente di FIVA, Martino Forte, ha rinnovato la disponibilità a collaborare con il Comune affinché tutti i mercati in città e nei quartieri si svolgano regolarmente nel rispetto delle disposizioni anti Covid-19. Ha quindi ribadito che, come è stato fatto nei mesi di aprile maggio scorso, l’Associazione provvederà a garantire il servizio di sorveglianza e vigilanza delle aree di mercato e l’adozione dei necessari dispositivi di distanziamento per accedere ai banchi: “Come operatori e cittadini faremo il possibile per garantire ai cittadini la continuità dei mercati settimanali e rionali – spiega il presidente degli ambulanti vicentini Forte –. Tradizione e servizio caratterizzano il commercio su aree pubbliche, che per struttura distributiva e numeri ha da sempre un ruolo importante nel dettaglio e svolge almeno due funzioni storicamente riconosciute: quella di dare la possibilità di fare acquisti in quelle aree dove il servizio commerciale è più carente e quella di essere un servizio apprezzato da un’ampia fascia di consumatori, non necessariamente la più debole, ma quella che cerca prezzi convenienti e un’ampia varietà di merceologie in un’unica area. Per questo – continua Forte – abbiamo apprezzato moltissimo la scelta dell’amministrazione e dell’assessore Silvio Giovine di convocarci per stilare il piano per i mercati cittadini, in modo da essere preparati e immediatamente operativi per garantirne il regolare svolgimento nonostante le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria”.

Dal canto suo  l’assessore alle attività produttive Silvio Giovine ha sottolineato che “i mercati si svolgeranno, tutti i giorni come da calendario, in centro e nei quartieri, con le disposizione di sicurezza previste che saranno messe in pratica fin da domani, giorno in cui entrerà in vigore l’ordinanza regionale.. Abbiamo voluto essere pronti fin da subito grazie adottando tutte le misure previste: perimetrazione, accessi separati e sorveglianza. Inoltre verrà misurata la temperatura ad ogni accesso, un provvedimento preventivo che abbiamo voluto inserire per garantire il più possibile la sicurezza di tutti. Per questo abbiamo ritenuto opportuno spostare temporaneamente in viale Dalmazia i commercianti che di consueto allestiscono i loro banchi in viale Roma e piazzale De Gasperi dove non sarebbe stato possibile applicare l’ordinanza regionale per mancanza di spazio. Nell’area di Campo Marzo, invece, sarà più agevole la la perimetrazione e la gestione dei due varchi”.

“Purtroppo non sarà possibile - ha poi concluso Giovine - lo svolgimento del mercato domenica 15 novembre come recupero di una data infrasettimanale che in settembre non si è potuta svolgere per consentire l’organizzazione di eventi. L’ordinanza regionale, infatti, vieta ogni tipo di vendita anche in area pubblica”.

Il presidente provinciale di Fiva Confcommercio Martino Forte fa poi un punto sulla situazione provinciale. “A Vicenza sono 10 i mercati ambulanti che ogni settimana occupano varie piazze e quartieri della città. Altri 85 (di cui 6 stagionali nelle zone di montagna) si svolgono nei comuni della provincia. Attualmente, quasi tutti sono attivi nei giorni prestabiliti, tranne alcuni della Vallata dell’Agno e del Chiampo. Questo è un grave danno, sia per la mancanza di un servizio ai consumatori, sia per gli operatori del mercato già in piena crisi pandemia e ora impossibilitati a svolgere la loro attività. Tutti risentiamo dell’impatto negativo della pandemia, ma di più quelle attività che non sono fortemente strutturate sul piano economico per sopravvivere oltre un certo limite fisiologico. Rivolgiamo, quindi, un appello a tutte le Amministrazioni comunali, che non abbiano ancora provveduto, a stilare al più presto il piano affinché il mercato nel loro comune si possa tenere regolarmente. Vicenza - sottolinea il presidente degli ambulanti vicentini - è un esempio di ciò che si può fare, con la massima collaborazione possibile e con il pieno sostegno di noi operatori del settore. Si garantirà così un servizio di vicinato prezioso per i consumatori, ma anche la sopravvivenza di molte nostre realtà”.

NEWS IMPRESE