• Home 
  • Categorie 
  • Alimentari 

FEDERCARNI: GUERRA DELLE ETICHETTE, MENO PROPAGANDA

Il presidente nazionale Maurizio Arosio: “Non si trasformi il diritto alla salute in lotta ideologica divisiva. I macellai italiani garanti della qualità”

giovedì 18 novembre 2021
FEDERCARNI: GUERRA DELLE ETICHETTE, MENO PROPAGAND FEDERCARNI: GUERRA DELLE ETICHETTE, MENO PROPAGAND

Meno propaganda, più unità di filiera e maggiore razionalità dando alla scienza il peso che merita”. C’è pacata determinazione e tanto pragmatismo nel richiamo che Maurizio Arosio, presidente di Federcarni, lancia all’agroalimentare italiano che appare ancora frammentato a fronte dell’Europe’s beating cancer plan, il piano d’azione in discussione in Europa che prevede nuove normative sulle etichettature anti cancro per carne e vino.

Un documento che divide la comunità politica internazionale e riapre ancora una volta il dibattito sulla presunta pericolosità di alcuni pilastri del made in Italy per la salute. “Stupisce che a fronte della proposta dei Paesi del Nord Europa, Francia e Germania in testa, che detengono primati in fatto di produzione di carne, non abbiano ancora preso una posizione in chiave protezionistica – aggiunge Arosio -. Giusto parlare della pericolosità dei nitrati nelle carni, ma è altrettanto giusto identificare il modello di controllo italiano come forse il più sicuro al mondo. Tutto ciò che arriva sui nostri banchi è certificato, sostenibile e in grado di rispondere alle esigenze di salubrità che il consumatore giustamente richiede. Pensiamo alla carne irlandese: arriva da allevamenti che privilegiano la sostenibilità ambientale, il benessere animale, la scrupolosa scelta dei mangimi. Quindi? Non trasformiamo una necessità condivisibile e sacrosanta di salute in guerra ideologica divisiva. La scienza da tempo ha già detto la sua, ne prendano tutti atto”.

“Un fatto è certo - rileva una nota di Federcarni - sul tema l’Europa si mostra divisa, divisa da modelli proposti che sono molto distanti l’uno all’altro. Divisa tre volte nei modelli di etichettatura: la Francia vuole Nutriscore, i Nordici vogliono l’etichetta a serratura che chiude ogni possibilità di valorizzazione, dove non si avverte la differenza fra uso e abuso. E l’Italia? Vuole il modello batteria: vale a dire è per il consumo consapevole, poiché un prodotto italiano ha già di per sé la qualità nel brand, il famoso stile mediterraneo”.

NEWS IMPRESE